Programma - Sito AcEMC

Vai ai contenuti

Programma

Formazione ed Eventi > Congresso Nazionale 2015
Pronto Soccorso e nuove funzioni: tra innovazione e vincoli economici
Il tema è strettamente legato all’identità di tutti gli operatori del Dipartimento d’Emergenza, sia medici che infermieri. E nello stesso tempo apre una riflessione sul cittadino che al Pronto Soccorso si rivolge e sulla società intera.
Alla luce delle attuali riflessioni in materia di spendibilità e distribuzione delle risorse, di economia ed ecologia per il nostro pianeta e per la nostra società, per nulla disgiunte dai temi promossi dalla contemporanea ed importante presenza in Lombardia di Expo 2015 ci si chiede: come si può coniugare la “buona scienza” e l’innovazione, con le esigenze sociali ed economiche del nostro tempo? In sostanza, come promuovere un approccio alla medicina che trovi come suo fine un “fare bene”, alla luce e nel rispetto delle risorse economiche che oggigiorno pare governino molte delle scelte sanitarie, ma anche nel rispetto dei valori etici della persona, di quelli deontologici delle nostre professioni e del benessere del nostro pianeta?
Come promuovere una medicina svincolata dalle argomentazioni giurisprudenziali che troppo spesso la appesantiscono e la rallentano, a prezzo di un grave dispendio economico? Perché innovazione e “rinnovamento” in medicina vorranno anche significare l’abbandono di quella “medicina difensiva” che opera nel timore di rivalse legali, ma che non ha a cuore la “vera” salute del cittadino ed i “veri” problemi sociali, dispendiosa e poco utile al benessere collettivo.
Il Congresso vuole ribadire gli scopi della Medicina di Urgenza in Pronto Soccorso, attraverso la definizione delle più attuali modalità diagnostiche e terapeutiche a disposizione del professionista, della stratificazione del rischio clinico nei differenti grandi capitoli che affrontiamo quotidianamente e della più giusta, scientificamente corretta e meno dannosa terapia medica. In aggiunta, aspetti economici verranno discussi con economisti di caratura nazionale per valutare se l'economia intesa come sola economicità (risparmi, contrazione delle risorse, ecc.) in campo sanitario sia sempre utile oppure dannosa, nel bene del cittadino e della società.
L’organizzazione di due tavole rotonde (nelle giornate del 7 e dell’8 maggio), su temi di interesse pubblico renderanno il Congresso interessante e si spera utile anche ai “non addetti ai lavori” (il cui accesso è libero).

Programma dell'Evento Congressuale
-Ore 08.30 - 08.45
Accoglienza dei corsisti ed introduzione ai lavori
-Ore 08.45 - 09.00
Saluti del dr. Massimo Pesenti Campagnoni, Presidente AcEMC; del dr. Marco Onofri, Direttore Generale; del dr. Mario Landriscina, Direttore Dipartimento Urgenza Emergenza; dr. Andrea Bellone, Direttore U.O. Pronto Soccorso e Medicina per Acuti, Azienda Ospedaliera Ospedale Sant’Anna, Como
-09.00 - 10.30 Diagnosi differenziale, stratificazione del rischio e terapia precoce
Sincope. Giorgio Costantino, Ivo Casagranda, Michele Brignole. Moderatore: Nicola Montano
Trombo-embolia polmonare. Massimiliano Etteri, Anna Natalizi, Roberta Volpin. Moderatore: Antonio Mantero
-10.30 - 11.15 Lectio Magistralis “Lo stato attuale e le prospettive di sviluppo della medicina d’urgenza nella Federazione Russa” Professor S. F. Bagnenko, Rettore della Prima Università Statale di Medicina di San Pietroburgo di I. P. Pavlov
-11.15 - 11.30 Pausa Caffè
-11.30 - 12.30 I Pro ed i Contro
C-Pap nel setting pre-ospedaliero. Fabrizio Giostra, Paolo Groff. Moderatore: Nicola Di Battista
Endoscopia digestiva nell'intossicazione da farmaci: si, no, quando. Carlo Locatelli, Giorgio Ricci. Moderatore: Carolina Prevaldi
-12.30 - 13.45 Pausa Pranzo
-14.00 - 15.00 Tavola rotonda con gli operatori ed i cittadini "Appropriatezza delle cure, formazione degli operatori sanitari e valore della relazione. Qual è il filo conduttore?" Discussione con Sergio Harari, Italo Nesssi, Liberata dell’Arciprete, Daniele Coen. Moderatore: Massimo Pesenti Campagnoni
-15.00 - 16.30 Sapere in pillole. Moderatori: Prof. Giovanni Ricevuti, Daniele Coen
 - Utilità del BNP in Pronto Soccorso. Stefano Guzzetti
 - Rx Torace ed Ecografia nella diagnostica primaria del trauma toracico. Luca Mellace
 - Linee Guida di gestione delle ferite in Pronto Soccorso. Carolina Prevaldi
 - Come i Media comunicano il Pronto Soccorso. Pierluigi Baldi, Giovanna Zizza
 - A new tool for the management of neonatal and paediatric emergency. Giorgio Gadda, Ivana Mattana
 - Ventilazione protettiva: possibile uso della High Frequency Percussive Ventilation? Gaia Baldo
 - Improving Non-Technical Skills in the Emergency Department. M. Zannoni
-16.30 - 16.45 Pausa Caffè
-16.45 - 17.00 Riflessione su.. "Quale connessione tra innovazione tecnologica e qualità di vita dei pazienti". Tiziano Lenzi
-17.00 - 18.00 Le nuove emergenze. Moderatori: Mario Cavazza, Ilenia Mezzocolli
 - Il monitoraggio emodinamico in Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza: se e quando. Francesco Savelli
 - Infezioni emergenti e Peimaf: percorsi dei pazienti e sicurezza degli operatori. Anna Faggiani
 - Quali indici predicono il ricovero in terapia intensiva nel trauma toracico? Ilaria Bossi
-18.15 Termine dei lavori

-18.30 Assemblea dei Soci AcEMC e Consiglio Direttivo


-Ore 08.30 – 09.00
Registrazione dei partecipanti
-Ore 09.00 – 10.00 Diagnosi differenziale, stratificazione del rischio e terapia precoce
La vertigine. Gianfranco Cervellin, Millo Beltrame. Moderatore: Carolina Prevaldi
Il dolore addominale in pronto soccorso. Ha ancora un ruolo il rituale della storia e dell’esame obiettivo? Ciro Paolillo. La gestione dell’addome acuto tra imaging, osservazione, intervento. Fausto Catena. Moderatore: Giorgio Ricci
-Ore 10.00 – 11.20 I pro ed i contro
Trauma cranico lieve nuovi e vecchi anticoagulanti. Quali strategie? Giulia Racca, Roberto Lerza. Moderatore: Bruno Tartaglino
Trauma distorsivo cervicale: sono applicabili le linee guida nella realtà clinica? Gianfranco Cervellin, Maurizio Manara. Moderatore: Libero Barozzi
-Ore 11.20 – 11.45 Pausa Caffè
-Ore 11.45 – 13.00 Tavola rotonda con gli operatori ed i cittadini "Sanità pubblica come motore di innovazione e sviluppo economico" Discussione con Tito Boeri, Fabio Banfi, Fulvio Moirano, Sergio Venturi. Moderatore: Ivo Casagranda
-Ore 13.00 – 14.00 Pausa Pranzo
-Ore 14.00 – 15.30 Sapere in pillole, sette comunicazioni orali. Moderatori: Pierdante Piccioni, Stefano Guzzetti
  - Rottura arteria splenica: ma come, non era una colica renale? Andrea Tortore
  - D-dimero ed età. Laura Bonfanti 
  - Quale spazio per l'Analgesia Post Triage in Pronto Soccorso? Guido Caironi
  - Il malato oncologico in Pronto Soccorso. Quali alternative? Studio osservazionale. Carlo Maino
  - Il paziente in Pronto Soccorso. Identificazione, comunicazione, sicurezza. Anna Lisa Fumagalli e Paola Zappa
  - An Italian Survey about Community-Acquired Pneumonia in the Emergency Department. Mario Cavazza
  - Hospital evacuation: health sector personnel training on emergency procedure, technique and materials. M. Zannoni
-Ore 15.30 – 16.00 Cosa ci ha insegnato l'ebola?
Con Giuseppe Ippolito, Ospedale Spallanzani di Roma
-Ore 16.00 – 16.15 Pausa Caffè
-Ore 16.15 – 18.15 Che cosa modifica la prognosi dei nostri pazienti? Moderatori: Andrea Bellone, Andrea Biolcati
  - Ossigeno, morfina, nitrati ed asa nell’ima. Tutti, nessuno, qualcuno? Mario Cavazza
  - Timing dell’antibiotico-terapia in pronto soccorso. Fabio Tumietto
  - Esistono criteri di selezione per l’accesso in obi? Alessandra Farina
  - Novità in tema di diagnosi precoce dell’ischemia intestinale? Ciro Paolillo
  - L’interazione tra psichiatra e medico dell’urgenza nel paziente agitato in pronto soccorso. Carlo Fraticelli
  - Migliorare l’appropriatezza della richiesta di tac/angiotac. Livio Colombo 
  - Thrombolysis in ichemic stroke in the emergency room: results of three years of collaboration between neurologists and emergency physicians A. Riccardi
  - Clinical risk management and triage: a survey on italian ministerial recommendation Fabrizio Giostra

- Ore 18.30 termine dei lavori

Corsi satellite
 
Mercoledì 6 maggio
Ventilazione Non Invasiva in Pronto Soccorso.
Gestione del paziente con dispnea acuta ed insufficienza respiratoria ipercapnica in Pronto Soccorso
L’obiettivo è quello di affrontare il percorso che compie l’utente con dispnea acuta all’interno del pronto soccorso, dalla sua valutazione iniziale, alla diagnosi differenziale, sino ai trattamenti principali e soffermandosi soprattutto sulle particolarità della Ventilazione Meccanica Non Invasiva.
La dispnea acuta rappresenta una parte consistente della patologie di presentazione in pronto soccorso (20% circa) e pertanto risulta fondamentale definirne il percorso clinico e diagnostico-terapeutico.
La dispnea acuta in PS è principalmente dovuta ad insufficienza respiratoria secondaria ad Edema Polmonare Acuto ed a Broncopneumopatia Cronica Riacutizzata. In queste due patologie, oltre alla terapia medica farmacologica, negli ultimi venti anni si è andata affermando la tecnica della Ventilazione Non Invasiva. La NIV ha dimostrato di essere sicura, efficace ed in grado di ridurre significativamente il ricorso all’intubazione endo-tracheale.
L’approccio del corso è volutamente molto pratico ed integra le competenze delle due figure professionali che gestiscono l’utente dispnoico: il Medico d’Urgenza e l’Infermiere di PS. L’integrazione tra le figure rappresenta la condizione necessaria per ottenere buone possibilità di successo con la metodica della NIV. La formazione, l’aggiornamento costante e la revisione dei casi clinici deve risultare complementare alla routine clinica quotidiana, per consentire all’equipe di esprimere il meglio delle differenti competenze.
Attualmente, in Italia, a dispetto delle evidenze scientifiche, l’utilizzo della NIVA è ancora insufficiente (circa il 20% dei pronto soccorsi) e la ragione non sta tanto in problemi tecnico-organizzativi, quanto in un “colpevole” ritardo culturale. Si è pertanto ritenuto opportuno proporre un’attività teorica e pratica nell’ambito di tale tematica.
Gli obiettivi del corso sono due: definizione, implementazione e confronto su linee guida, protocolli e procedure; analisi dei percorsi clinico-assistenziali, diagnostici, terapeutici e dei profili di assistenza e di cura.
Destinatari
Medici di Medicina d’Urgenza, Medici Internisti, Medici Rianimatori e Centrali Operative, Pneumologi, Cardiologi, Infermieri di Pronto Soccorso, Rianimazione e Medicina.
 

08.30 – 08.45
Registrazione dei partecipanti
08.45 – 09.00
Presentazione del Corso
09.00 – 11.00
Fisiopatologia dell’Insufficienza Respiratoria e Diagnosi Differenziale della Dispnea Acuta: Trattamento farmacologico della BPCO riacutizzata e dell’EPA. Indicazioni e controindicazioni della NIV; Discussione di un caso clinico emblematico Andrea Bellone
11.00 – 11.15 Discussione
11.15 – 12.00
L’uso del ventilatore in Pronto Soccorso nell’insufficienza respiratoria ipercapnica: come, quando e perché Roberto Rossi
12.00 – 13.00 Presentazione casi clinici Giorgio Gadda
13.00 – 14.00 Pausa Pranzo
14.00 – 14.45
La scelta dell’interfaccia nella ventilazione non invasiva Giorgio Gadda
14.45 – 15.00 Il processo di triage nella dispnea acuta Giorgio Gadda
15.00 – 15.45 L’assistenza infermieristica ed il monitoraggio del paziente in NIV Guido Caironi
15.45 – 16.00 Impostiamo il ventilatore Guido Caironi
16.00 – 16.15 Discussione
16.15 – 17.15 Casi clinici e discussione in gruppi di lavoro
17.15 – 17.45 I lavori della letteratura scientifica che hanno modificato i comportamenti in fatto di NIV, nell’EPA e nella BPCO riacutizzata Livio Colombo
17.45 – 18.00 Conclusioni

Docenti: Andrea Bellone, Giorgio Gadda, Guido Caironi, Roberto Rossi, Livio Colombo
 
 
Giovedì 7 maggio, mattina
Applicazioni infermieristiche dell’utilizzo dell’ecografia
Verranno trattate, con applicazioni sul campo, le tematiche più prettamente infermieristiche dell’utilizzo dello strumento ecografico. L’impiego multidisciplinare dell’ecografo è diventato sempre più attuale per un approccio rapido e meno invasivo al paziente. L’applicazione dell’ecografia, in questi casi, non ha finalità diagnostiche, ma diviene un ausilio importante per la pratica quotidiana “al letto del paziente”, quando molto spesso si è costretti a procedere “alla cieca”. Dove diviene allora utile l’applicazione ecografica? Nel reperimento degli accessi vascolari e per il controllo vescicale prima della procedura di cateterizzazione vescicale transuretrale. Uno degli obiettivi del corso è implementare una tecnica che favorisca la riduzione di “inutili e vani tentativi di ricerca di accessi venosi”, con conseguente traumatismo e dolore per il paziente e favorisca una corretta scelta di metodo prima della decisione di posizionare un cateterismo vescicale.
Quindi fornire agli infermieri una formazione ecografica mirata, attraverso la trasmissione di conoscenze teoriche riferite a studi scientifici e linee guida internazionali e l’acquisizione pratica delle principali metodiche dell’ecografia sugli accessi venosi periferici e sulla valutazione della vescica.
Destinatari
Infermieri di pronto soccorso, di medicina per acuti e medicina d’urgenza, infermieri di rianimazione, infermieri di unità operative internistiche
 
08.30 – 08.45
Registrazione dei partecipanti
08.45 – 11.00 Principi generali di ecografia, tecniche ed ambiti ecografiche
11.00 – 13.00 Applicazioni sul campo e casi clinici

Giovedì 7 maggio, pomeriggio
 
Diagnostica differenziale ecoguidata della dispnea
Esame fisico, radiografia del torace ed elettrocardiogramma hanno specificità e sensibilità non sufficientemente elevate per considerarle ai fini di una appropriata diagnostica differenziale. L’ecografia toracica/cardiaca, invece, attraverso lo studio di alcuni specifici artefatti, permette di differenziare tra cause cardiache e polmonari di dispnea, direttamente al letto del paziente, promuovendo quindi la possibilità di effettuare diagnosi differenziali orientate al precoce trattamento del paziente in pronto soccorso.
Destinatari
Medici di Medicina d’Urgenza, Medici Internisti, Medici Rianimatori, Pneumologi, Cardiologi
 14.00 – 14.15 Registrazione dei partecipanti
14.15 – 16.00 Principi generali di ecografia e principali quadri di impiego delle tecniche ecografiche nella diagnosi differenziale della dispnea
16.00 – 18.00 Casi clinici ed applicazioni sul campo

Docenti: Massimiliano Etteri, Luca Mellace, Gabriella Franchi
Venerdì 8 maggio
Il triage di pronto soccorso nel paziente adulto
Il corso si propone una comprensione efficace del concetto di triage, applicato alla realtà di pronto soccorso nel contesto dei nostri giorni; la conoscenza dei principali modelli di triage, degli errori più comuni e delle principali linee guida e protocolli di valutazione del paziente adulto. Al termine del corso gli infermieri, seppur magari già attivi triagisti nelle rispettive realtà locali, avranno avuto la possibilità di confrontarsi con le evidenze scientifiche più aggiornate, incrementando così il loro livello di conoscenze e preparazione; potranno quindi esprimersi, già direttamente in sede di corso, in discussioni su casi clinici ed esercitazioni in simulazioni.
Destinatari
Infermieri di Pronto Soccorso, Infermieri di Centrali Operative Urgenza/Emergenza

08.30 – 08.45
Registrazione dei partecipanti
08.45 Il processo di triage
10.00 Principali modelli nazionali ed internazionali
10.30 Sistemi di codifica e modelli organizzativi
10.45 Gli errori al triage
11.15 Coffee Break
11.30 Patologie “tempo-dipendenti” e principali protocolli per il paziente adulto
13.00 Pausa pranzo
14.00 Casi simulati
15.00 Aspetti medico-legali
15.30 Casi clinici
16.00 Coffee break
16.15 Riflessioni, esercitazioni e revisione di casi reali
17.45 Conclusioni

Docenti: Giorgio Gadda, Monica Ghinaglia, Roberto Rossi
E con il 
patrocinio di..
Via Salvatore Maugeri, 10
27100 - Pavia
Tel 0382.592794 - Fax 038224506
e-mail: info@acemc.it
segreteriaacemc@kassiopeagroup.com
FIMEUC
Federazione Italiana
Medicina di Emergenza-Urgenza
e delle Catastrofi
Torna ai contenuti